Articolazione degli uffici

Economato

Informazioni
Tipologia
Ufficio
Denominazione
Economato
Competenze
Economato
Gestione di Economato
All’unità operativa è affidata una funzione notevole riqualificata cui fa capo la politica degli acquisti e della gestione dei materiali. Infatti, oltre a gestire le normali procedure economali, programma tutti gli approvvigionamenti secondo criteri scientifici sulla base delle richieste degli utenti e con l’eventuale loro appoggio specialistico, effettua ricerche di mercato, dirige il magazzino e la distribuzione con criteri aziendali. In particolare, si descrivono sinteticamente le funzioni di competenza.
16/32
Formulazione dei programmi di approvvigionamento, d’intesa con gli uffici utenti; valutazioni
commerciali di merito sui beni richiesti e sull’opportunità di evasione delle richieste; ricerche di mercato; analisi dei preventivi e dei campioni, trattativa commerciale, emissione di ordine per acquisto di tutti i beni.
Tenuta della contabilità di magazzino.
Gestione della cassa per acquisti e spese minute; ricezione e controllo della merce in arrivo; controllo delle bolle di consegna e delle fatture e loro inoltro alla Ragioneria; stoccaggio delle merci e loro consegna agli uffici utenti.
Tenuta e aggiornamento dell’inventario dei beni mobili; alienazione o dismissione del materiale fuori uso.
Patrimonio mobiliare
Nell’ambito della gestione e aggiornamento dell’inventario dei beni mobili di proprietà del Comune al Servizio Finanziario compete la tenuta dell’inventario, la raccolta dei buoni di carico/variazione e scarico dei beni. I Settori con potere di acquisto, in sede di predisposizione del provvedimento di liquidazione della spesa, sono tenuti a compilare apposito buono di carico da allegare alla stessa da trasmettersi al Servizio Finanziario. per l’aggiornamento dell’inventario.
I beni mobili sono inventariati sulla base di buoni di carico compilati dai Responsabili dei Settori con potere di acquisto firmati dal Consegnatario e controfirmati dal Responsabile del Patrimonio. Nel caso di trasferimento dei beni da un servizio o Settore ad un altro e comunque da un Edificio ad un altro, dovrà essere compilato apposito “buono di variazione”a cura del Consegnatario con l’indicazione della destinazione del bene. La cancellazione dall’inventario dei beni mobili per fuori uso, perdite, deterioramenti, cessioni o altri motivi è proposta dal Consegnatario, sentito il Responsabile del Patrimonio ed è disposta secondo le procedure previste dal Regolamento di contabilità. Il discarico inventariale dei beni mobili può essere richiesto nelle seguenti ipotesi: - per "fuori uso", quando trattasi di materiale consumato per naturale deperimento, rotto, deteriorato o comunque reso assolutamente inservibile, ovvero materiale non più efficiente o idoneo all'uso cui era destinato ma che per il suo stato di conservazione non può essere considerato assolutamente inservibile; - per "perdita", quando trattasi di accertata mancanza di materiale per cause di forza maggiore, furti (in questo caso la richiesta deve essere accompagnata dalla copia della denuncia presentata tempestivamente, a cura del Consegnatario, direttamente agli Organi di Polizia), incendi, ecc.; - per cessione o altri motivi, compresi gli annullamenti (quando trattasi di correzione di errori materiali o meccanografici) e in tutti i casi non rientrati nelle ipotesi previste nei precedenti punti. Sulla scorta degli atti o dei documenti di carico/variazione/scarico il Servizio Finanziario provvede al conseguente aggiornamento delle scritture patrimoniali.
Privacy
Il servizio è preposto a garantire, in conformità al regolamento (UE) 2016/679, la protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera c
Telefono
092539643
Fax
092539689
Email
economato@comune.montevago.ag.it
Pec
protocollo.montevago@pec.it
Responsabile
Bennato Maria Letizia
092539642
economo@comune.montevago.ag.it

Economato

Gestione di Economato

All’unità operativa è affidata una funzione notevole riqualificata cui fa capo la politica degli acquisti e della gestione dei materiali. Infatti, oltre a gestire le normali procedure economali, programma tutti gli approvvigionamenti secondo criteri scientifici sulla base delle richieste degli utenti e con l’eventuale loro appoggio specialistico, effettua ricerche di mercato, dirige il magazzino e la distribuzione con criteri aziendali. In particolare, si descrivono sinteticamente le funzioni di competenza.

Formulazione dei programmi di approvvigionamento, d’intesa con gli uffici utenti; valutazioni commerciali di merito sui beni richiesti e sull’opportunità di evasione delle richieste; ricerche di mercato; analisi dei preventivi e dei campioni, trattativa commerciale, emissione di ordine per acquisto di tutti i beni.

Tenuta della contabilità di magazzino.

Gestione della cassa per acquisti e spese minute; ricezione e controllo della merce in arrivo; controllo delle bolle di consegna e delle fatture e loro inoltro alla Ragioneria; stoccaggio delle merci e loro consegna agli uffici utenti.

Tenuta e aggiornamento dell’inventario dei beni mobili; alienazione o dismissione del materiale fuori uso.

Patrimonio mobiliare

Nell’ambito della gestione e aggiornamento dell’inventario dei beni mobili di proprietà del Comune al Servizio Finanziario compete la tenuta dell’inventario, la raccolta dei buoni di carico/variazione e scarico dei beni. I Settori con potere di acquisto, in sede di predisposizione del provvedimento di liquidazione della spesa, sono tenuti a compilare apposito buono di carico da allegare alla stessa da trasmettersi al Servizio Finanziario. per l’aggiornamento dell’inventario.

I beni mobili sono inventariati sulla base di buoni di carico compilati dai Responsabili dei Settori con potere di acquisto firmati dal Consegnatario e controfirmati dal Responsabile del Patrimonio. Nel caso di trasferimento dei beni da un servizio o Settore ad un altro e comunque da un Edificio ad un altro, dovrà essere compilato apposito "buono di variazione"a cura del Consegnatario con l’indicazione della destinazione del bene. La cancellazione dall’inventario dei beni mobili per fuori uso, perdite, deterioramenti, cessioni o altri motivi è proposta dal Consegnatario, sentito il Responsabile del Patrimonio ed è disposta secondo le procedure previste dal Regolamento di contabilità. Il discarico inventariale dei beni mobili può essere richiesto nelle seguenti ipotesi: - per "fuori uso", quando trattasi di materiale consumato per naturale deperimento, rotto, deteriorato o comunque reso assolutamente inservibile, ovvero materiale non più efficiente o idoneo all'uso cui era destinato ma che per il suo stato di conservazione non può essere considerato assolutamente inservibile; - per "perdita", quando trattasi di accertata mancanza di materiale per cause di forza maggiore, furti (in questo caso la richiesta deve essere accompagnata dalla copia della denuncia presentata tempestivamente, a cura del Consegnatario, direttamente agli Organi di Polizia), incendi, ecc.; - per cessione o altri motivi, compresi gli annullamenti (quando trattasi di correzione di errori materiali o meccanografici) e in tutti i casi non rientrati nelle ipotesi previste nei precedenti punti. Sulla scorta degli atti o dei documenti di carico/variazione/scarico il Servizio Finanziario provvede al conseguente aggiornamento delle scritture patrimoniali.

torna all'inizio del contenuto